Chanukkà: oltre le candeline

Di Rav Pinchas Punturello

L’impatto emozionale e storico della festa di Channukkà generalmente porta le nostre riflessioni lungo la strada della luce, di un mondo da illuminare, della lotta contro il buio.

Se da un lato l’idea dell’impegno della luce contro il buio è commovente, dall’altro rischia di scivolare in un buonismo pericoloso o in una sorta di momento collettivo, per il quale l’accensione delle channukkiot può perdere il senso della mitzvà, perdendo anche un altro grande insegnamento per l’intero mondo ed in particolare per la nostra generazione.

chanukah_lights

Channukkà non è solo una festa religiosa, gli avvenimenti che la contraddistinguono sono storici, a tratti militari, ci raccontano la resistenza ad un potere maggioritario, quello ellenista, che tentò in tutti i modi e con ogni mezzo di inglobare e neutralizzare la cultura ebraica, la storia ebraica, il culto ebraico, in altre parole la nostra identità. Channukkà è una festa che è stata fonte di molte discussioni prima di essere accettata dai nostri maestri come mitzvà, come momento religioso “obbligatorio” da tramandare per le future generazioni del popolo ebraico e del mondo intero.

Continue reading

Advertisements

I veri miracoli di Chanukkah

Di Rav Avi Baumol

 

Che cos’è un miracolo di Hanukkah?

La maggior parte di noi dirà che ha a che fare con l’olio, e che non si è consumato in otto giorni. Questi ci veniva insegnato quando eravamo bambini e così lo comprendiamo da adulti, e quindi percepiamo Hanukkah come un “festival delle luci”. Tutta la giornata gira attorno alla Menorah e l’accensione delle candele è qualche cosa di festivo. Ma suona un po’ superficiale, vero? Una festa solo per accendere candele e mangiare frittelle varie? Ci deve essere qualcosa di più, qualcosa che i nostri Saggi hanno voluto farci capire.

imgp8129

 

Leggete attentamente la preghiera “Al ha-Nissim” (Per i miracoli), che si aggiunge all’Amidah e alla Birkat haMazon (benedizione dopo il pasto), durante i giorni di Hanukkah. Non vi si parla di nessun olio. Si parla invece di una lotta politica…Però bisogna ammettere che il Talmud si concentra sul miracolo legato all’olio. Nel Trattato Bavli Shabbat 21b si parla del miracolo di una brocca d’olio, bastato miracolosamente ad avere luce per otto giorni. Per questo i Rabbini hanno stabilito questo giorno come giorno festivo.

Perché allora questa festa ha una costruzione duplice? Perché non si può parlare solo di una cosa? Di che argomento si parla? Di olio, del Tempio, di una nuova benedizione e purificazione? O si parla di vittoria, lotta, miracolo militare, ritorno al potere? Ognuno di questi argomenti ha la sua fonte e si focalizza su qualcos’altro. Allora questa vera Hanukkah potrebbe farsi vedere e parlarci?

Continue reading

Pastore e Luce per i popoli del mondo

Di Rav Yitzhak Rapoport

Il Salmo 95 inizia con dei versi che indicano la struttura duale nel modo di rivolgersi a HaShem. Ognuno dei primi 3 versetti è composto da due parti. Da qui possiamo concludere che questi versetti sono paralleli tra loro; la prima parte di ognuno di questi è parallela alla prima parte di quello successivo, e così via.

60170230100479640360no

Per capire meglio ho fatto una piccola tabella:

Versetto nr Parte 1 Parte 2
1 Venite lodiamo HaShem Cantiamo alla roccia che ci protegge.
2 Andiamogli incontro con gratitudine Cantiamo a Lui canti di festa.
3 Davvero HaShem è un Dio grande Grande re su tutti gli dèi.

Notiamo subito il parallelo tra i primi due versetti, ambedue hanno il verbo “cantiamo” nella loro seconda parte. I Rabbini spiegavano che i primi due versetti descrivono il modo nel quale il Popolo di Israele si rivolge ad HaShem; invece il terzo versetto descrive il modo degli altri popoli. Noi ci rivolgiamo subito ad HaShem per nome – “Lodiamo HaShem!”. Invece gli altri popoli devono prima riconoscere Dio – cioè riconoscere il Creatore dell’universo; e solo poi possono chiamarLo con il Suo nome – “HaShem è un Dio grande”. Alla base della relazione tra il Popolo di Israele e HaShem sta l’esperienza personale dei nostri antenati al monte Sinai 3300 anni fa. Sulla base di questa esperienza noi ci possiamo rivolgere subito ad HaShem per nome. Gli altri popoli, d’altro canto, prima devono capire da soli che esiste un Creatore dell’universo e solo dopo possono chiedere al Popolo di Israele di indicare loro la strada per HaShem.

Continue reading

Coraggio: un grido dal Palazzo Steri di Palermo.

Particolare di uno dei graffiti del Palazzo Steri. Notare la scritta: "Coraggio".

Particolare di uno dei graffiti del Palazzo Steri. Notare la scritta: “Coraggio”.

Non è facile entrare nella Storia, ma è ancora meno facile rispondere alle grida silenziose che la Storia ti urla educatamente in faccia. Passeggiando per Palermo, nei giorni tra il 22 ed il 29 ottobre, ho scelto di visitare lo Steri, il palazzo Chiaromonte-Steri che dal 1601 al 1782 fu sede del tribunale dell’Inquisizione per la Sicilia. L’intera passeggiata  a Palermo evocava ad ogni mio passo suoni e presenza antiche e moderne, legami storici e personali, con una città  che resta uno dei luoghi più affascinanti e testardamente eleganti della nostra Italia. L’intera storia del mediterraneo è scritta nelle pietre di Palermo, nei ciottoli, nella vegetazione, nei fiumi sotterranei della città, nelle botteghe degli artigiani, nei mestieri antichi che ancora resistono e che sono stati portati a Palermo dai greci, dagli ebrei, dagli arabi, dai normanni, dai fenici, dai bizantini…in una parola dal mondo intero. Mentre quindi il mondo intero mi accompagnava nel Palazzo Steri, alto imponente, fortezza che fu casa dei nobili Chiaromonte e che divenne casa dell’Inquisizione,  un potere meno nobile ma molto più spietato, freddo, crudele e capace di tenere sotto assedio morale e sociale l’intera Sicilia per più di trecento anni, perché tanti furono gli anni della tetra attività del Santo Uffizio Inquisitorio nell’Isola.

L’ottobrata siciliana rendeva l’ingresso nel cortile del palazzo piacevole, piazza Marina alle mie spalle aveva una luce meravigliosa e anche la campana che suonava ad ogni uscita di condannato al rogo sembra essere baciata da una luce benevola. Un gruppo di turisti giapponesi mi ha preceduto e mentre mi avviavo verso il cortile interno, luogo di impiccagioni e giustizia per il popolo, ho incontrato una giovane coppia…lui ha la barba…lei il capo coperto da un fazzoletto…lanciando una frase in ebraico ci siamo ritrovati ed ecco che non ero il solo ebreo  che visitiva con timore lo Steri. Per uno strano gioco di incastri tra la visita e gli impegni del rettorato che oggi ha sede nel palazzo, abbiamo visitato prima le segrete, le carceri più terribili, quelle destinate a chi era accusato di eresia.

La luce del caldo sole siciliano faceva a pugni con le parole della nostra guida che sottolineava come il buio fosse la costante presenza di ogni centimetro delle segrete. Il Buio era l’arma più potente dell’Inquisizione: il buio nelle relazione familiari, il buio del sospetto dell’accusa, il buio di un sistema spionistico che non escludeva nessuno, povero o ricco, nobile o plebeo, dal rischio di essere accusato ed imprigionato anche su indicazione del proprio fratello, amico, marito o moglie. Il buio di una accusa che contrariamente ad ogni diritto non veniva comunicata al prigioniero che giaceva così, solo, abbandonato, senza avere contatti con il mondo esterno e con il sospetto di essere stato denunciato da chiunque e per qualunque cosa: una bisnonna ebrea come anche solo uno sguardo romantico verso una luna piena. Un Buio quello della macchina dell’Inquisizione che ha colpito l’intera società siciliana in una progressiva e costante crescita delle vittime e della voracità, passando dalle persecuzioni sistematiche dei moriscos e dei conversos, musulmani ed ebrei costretti al Cristianesimo, fino alle persecuzioni per i calvinisti e luterani arrivando alle accuse di stregoneria  e magia nera per chiunque fosse una persona dotata di pensiero e spirito critico.

In una società concepita nel buio dell’Inquisizione non ci poteva essere spazio per la luce del pensiero, della tolleranza, della solidarietà, della fiducia, della reciprocità. L’unica luce che resta di quei secoli è rappresentata dai graffiti dei prigionieri sulle pareti: grida, lame di luce, anche fisica nelle terribili condizioni delle segrete. Questa luce va raccolta e custodita e per questo motivo che una nelle sere di Channukkà accenderemo la Channukkia a palazzo Steri, fino alla grande accensione dell’ultimo giorno della festa, grazie alla sensibilità del Magnifico Rettore di Palermo. Riprendiamo tra le mani la luce di chi nonostante tutto  non perse la propria umanità anche con le catene dell’Inquisizione alle braccia ed alle gambe. Faremo nostro il messaggio di un graffito tracciato sulle mure delle prigioni filippine che grida al mondo:  “Coraggio!”. Coraggio società siciliana, coraggio popolo ebraico di Sicilia, coraggio umanità tutta, coraggio mondo. Coraggio ed impegno, coraggio e luce: perché il Buio, qualunque sembianza oggi voglia avere, sia sempre sconfitto delle luci.