L’aliyah dei Kaifeng: la storia di Li Jing

di Brian Blum

L’aliyah dalla Cina continua. Nei prossimi mesi, cinque ragazze ebree della Comunità Ebraica di Kaifeng immigreranno in Israele. Ognuna ha la sua storia affascinante da raccontare. Oggi vi presentiamo Li Jing.

Li-Jing-with-passport

A 27 anni, Li Jing è la più anziana delle cinque donne. Li è cresciuta a Kaifeng, ma ha studiato Marketing inglese all’Università di Xi’an, cittadina a sei ore di treno da casa e patria dei famosi Guerrieri di Terracotta.

Dopo gli studi Li ha lavorato come customer service manager a Kaifeng fino a due mesi fa, quando ha lasciato il lavoro per prepararsi meglio all’aliyah. “Mi piaceva molto il mio lavoro”, ci dice. Nondimeno è già pronta per nuove opportunità di business in Israele. In questi giorni sta studiando ebraico e inglese online con un tutor speciale di Shavei Israel.

Li-Jing-300x200

Diversamente da altre comunità con le quali lavora Shavei Israel, gli ebrei Kaifeng non hanno mai dimenticato o nascosto la loro identità. “Li Jing stessa ci dice che sapeva sin da bambina di essere ebrea. “Mio padre ci disse che i nostri antenati erano venuti da Israele. Tuttavia so che devo ancora imparare molte cose. Quando l’ho saputo ero piena di gioia. Ma poi mi sono confusa. Cosa significa davvero essere ebrei?”

Mentre Li cresceva i suoi genitori hanno fatto del loro meglio per insegnarglielo. “Rispettavamo Shabbat, celebravamo Rosh HaShanà e i giorni di festa – Yom Kippur, Sukkot, Hanukah, Pesach – secondo le leggi ebraiche. Facciamo il kiddush per Shabbat e le altre feste”. La famiglia di Li è sempre stata attiva nella comunità ebraica di Kaifeng.

Li ovviamente ha anche amici fuori dalla comunità. “Però io mangio casher e questo loro lo rispettano”.

Una delle più grandi passioni di Li è viaggiare. “Quando ho ricevuto la lettera da Shavei Israel dove mi si diceva che avrei fatto aliyah, è stato il momento più bello della mia vita.” racconta. “Ho aspettato per più di sei anni, da quando i sette uomini della nostra comunità si erano trasferiti in Israele.” (Fatti avvenuti nel 2009)

Shavei Israel è stato parte importante della vita di Li. “Hanno inviato libri e educatori nella nostra comunità. Tutto questo ha preparato Li al grande giorno. Li spera anche che la sua aliyah abbia un effetto positivo sulla sua comunità. “Spero di poter dare qualcosa in cambio alla mia comunità, per tutto quello che mi hanno donato, voglio fare del bene per loro”.

Per ora c’è più ebraico da imparare – ora a Kaifeng e poi a Gerusalemme. “So che imparare la lingua sarà difficile, ma cerco sempre di essere ottimista, in tutto quello che faccio”.

Con questo atteggiamento positivo, non abbiamo dubbi che Li Jing avrà successo nella terra dei suoi padri.

 

Per sapere di più su Campaign Kaifeng” e come puoi aiutare e fare la differenza, per favore visita la nostra pagina donazioni. E segui il nostro sito per conoscere più storie degli immigrati dalla terra del Dragone Rosso.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s