Numeri e Halachà

di Rav Yitzhak Rapoport

Un vecchio proverbio dice: “Mi inganni una volta – la colpa è tua. Mi inganni due volte – la colpa è mia”. Questo detto è in antitesi a : “non c’è due senza tre”. E qui sorge la domanda, se la correttezza nelle sanzioni legislative dovrebbe esserci dopo due o tre volte dal fatto imputato?

numerologia-cosè

Nel Talmud, Rav Yehuda HaNassi dice, che dopo due. Invece Rav Gamliel sostiene che dopo tre. Nelle questioni economiche l’Halachà da ragione a Rav Gamliel, che solo dopo 3 volte si può dare delle sanzioni legislative. Invece nelle questioni dove appare il pericolo di vita, i Rabbini sono stati più restrittivi e hanno messo in atto le teorie di Rav Yehuda HaNassi, cioè che bastano solo 2 azioni.

Ecco degli esempi:

Una donna partorisce un figlio, che muore a causa della circoncisione. Ne partorisce un secondo e anche questi muore per lo stesso motivo. Quando nasce il terzo figlio, allora l’Halachà impedisce di circonciderlo fino a quando non crescerà, perché esiste il sospetto che i suoi figli siano troppo deboli per sopravvivere alla circoncisione. Si deve però aggiungere che questa Halachà venne scritta ben prima della medicina moderna, e oggi solo i medici prendono certe decisioni.

Tre anni di residenza in una casa creano secondo l’Halachà una correttezza legale, cioè quella casa appartiene all’inquilino e non bastano solo due anni. Invece negli esempi come quello sopra citato, dove c’è rischio di vita, l’Halachà allora cambia già dopo due eventi.

Questi pensieri si riferiscono anche agli argomenti che leggiamo in queste settimane in sinagoga: le 10 piaghe d’Egitto.

Leggendo attentamente notiamo, che le piaghe sono raggruppate a tre a tre: quindi 3 gruppi di 3 piaghe, più la decima piaga.

  • La prima piaga di ogni gruppo, cioè nr. 1, 4, e 7 avvengono al mattino e anche il Faraone ne viene avvertito al mattino.
  • La seconda piaga di ogni gruppo, cioè la 2, 5 e 8 sono precedute da un avvertimento al Faraone, ma senza dare un orario di quando succederà.
  • La terza piaga di ogni gruppo, cioè la nr 3, 6 e 9 avvengono senza nessun avvertimento e senza dare un orario di quando succederà.

 

Questo ci fa capire che dobbiamo dare a chiunque abbia fatto del male un’opportunità, in modo da far diventare la sua azione positiva. Non solo 3 opportunità, ma addirittura 3 opportunità pensate specialmente al caso. In che modo?

La prima piaga di ogni gruppo avviene al mattino. Al mattino tutto sembra possibile e ci è la possibilità che anche chi ha commesso una cattiva azione si possa rialzare e cambiarla in bene. Il sole del mattino da sempre speranza e energia ulteriore e al mattino tutto è possibile. Per queste persone HaShem ha lanciato per prima 3 piaghe al mattino, 3 volte, dando quindi 3 opportunità.

Invece ci sono persone che useranno questa energia positiva del mattino per qualcosa di negativo. Useranno questa energia per esempio, per accrescere il proprio ego e potere continuare per la loro cattiva strada. A queste persone va meglio, cioè vengono avvertite ad un altro orario del giorno, ma se non c’è miglioramento allora vengono punite subito. Riguardo a queste persone HaShem ha lanciato le piaghe con l’avvertimento, ma senza dare un orario specifico. Tre volte quindi ha dato 3 opportunità.

Per l’ultimo gruppo di persone, l’avvertimento non solo non ha un effetto positivo su di loro, ma addirittura si ottiene l’effetto opposto. Ci sono persone che useranno l’avvertimento di punizione per rafforzarsi, per sopportare la punizione senza cambiare però il proprio atteggiamento. Riguardo a queste persone, HaShem ha lanciato 3 piaghe senza avvertimento. Senza avvertimento, però 3 piaghe, quindi 3 opportunità per migliorare.

Dopo avere esaurito tutte le possibilità, HaShem lancia l’ultima punizione, la morte dei primogeniti egiziani. Le punizioni lanciate da HaShem sull’Egitto avevano 2 scopi. Da un lato lo scopo educativo, dall’altro fare in modo che il Faraone liberasse i Figli di Israele dalla schiavitù. Le prime 9 punizioni sono servite al primo scopo, ma la decima piaga è servita al secondo scopo, punire.

Impariamo qui anche dello scopo generale della punizione. Le punizioni dell’Egitto e del Faraone sono un esempio di tutte le punizioni lanciate da HaShem. Primo scopo di queste punizioni è dare all’uomo l’opportunità di migliorare. Solo se non ci prova allora arriva la punizione, che ha per scopo la punizione. Facciamo in modo che non ci capiti mai la punizione per il secondo motivo.

Saluti da Gerusalemme

Rav Yitzhak Rapoport

 

 

 

 

Advertisements

One thought on “Numeri e Halachà

  1. Grazie per il ragionamento. Non credo sia attribuibile a una madre, perché non credo una madre umana che accetti di esporre il proprio neonato al rischio di morte corporale. Un tempo la madre era pronta a sacrificarsi al posto del suo proprio neonato. ora è pronta a combattere in sua difesa.
    Cordialmente
    una madre

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s