Maschere e biscotti: Shavei Israel celebra Purim in tutto il mondo

Di Brian Blum

Purim-cuteness-in-Upper-Nazareth-300x199

Bambini Bnei Menashe in costume per Purim a Nazareth

La scorsa settimana, Israele e il mondo ebraico hanno festeggiato la festa di Purim, che ci ricorda dell’incredibile svolta – dal quasi annientamento del popolo ebraico in Persia più di 2000 anni fa, fino alla sua salvazione.

In onore della gioia che gli ebrei hanno provato all’ultimo momento, Purim è oggi probabilmente il giorno più felice del calendario ebraico. Tutti si vestono in costume per leggere dal Libro di Esther (la Meghillah), fanno dei doni di alimenti (mishloach manot) agli amici e alla famiglia, e partecipano a feste stravaganti condite da vagonate di hamentaschen kosher (biscotti triangolari ripieni di semi di papavero, datteri, cioccolato e altre prelibatezze).

Anche le comunità con le quali lavora Shavei Israel, entrano nello spirito festivo. Ecco cosa hanno organizzato i nostri emissari.

Rav Yehoshua Ellis (al centro) nelle celebrazioni di Purim 2014 a Katowice, Polonia

Rav Yehoshua Ellis (al centro) nelle celebrazioni di Purim 2014 a Katowice, Polonia

Polonia – L’emissario di Shavei Israel a Cracovia, Rav Avi Baumol, racconta che la comunità ha letto la Meghillah insieme al Tempio, cui è seguito un “carnevale” di Purim. Vi è stata una parata nelle vie di Kazimierz, il quartiere ebraico ristrutturato, seguita da una grande festa comunitaria di Purim al JCC. A Katowice, il nostro emissario, Rav Jehoshua Ellis, racconta di due prime feste di Purim – una a Katowice, dove ha parlato della Meghillah e delle tradizioni di Purim, e un’altra a Gliwice, con concerto. Rav Ellis ha poi letto la Meghillah a Katowice, con un’altra festa a seguito e un pranzo di festa per la comunità.

Portogallo – Il nostro emissario Rav Elisha Salas ha letto la Meghillah alla sua comunità a Belmonte, organizzando poi la festa annuale in costume, la sera. Il giorno successivo vi è stato un pranzo molto significativo, visto che un gruppo di persone ha deciso di fare aliyah nel 2015.

Colombia – La comunità di Bnei Anousim nella capitale Bogotá ha festeggiato la sera di Purim, completando con una lettura della Meghillah, preghiere e tante bevande alcoliche (in linea con l’uso di Purim di bere fino a non riconoscere tra la benedizione di Mordechai, l’eroe della storia, e il cattivo Haman). Il nostro emissario Rav Shimon Yehoshua racconta di 150 persone riunitesi per la festa a Bogotá.

El Salvador – La Meghillah di Ester si è messa in strada quest’anno in El Salvador. Visto che le comunità di Bnei Anousim nel paese hanno una sola copia kosher del Libro di Esther, il nostro emissario Rav Isaac Aboud ha fatto una prima lettura nella sinagoga Beit Israel nella capitale, San Salvador, per poi andare nella cittadina di Armenia (circa 45 minuti di distanza) e rifare un’altra lettura. Rav Aboud da settimane ha tenuto lezioni per la comunità, che quindi non si è trovata impreparata per abbracciare spiritualmente la festa…anche con spirito (di genere liquido e alcolico).

Italia – La comunità di Bnei Anousim a Palermo ha celebrato quest’anno in Sicilia, con una lettura della Meghillah e una festa di Purim, con l’emissario di Shavei Israel, Rav Pinhas Punturello.

Cina – La piccola comunità ebraica di Kaifeng ha celebrato come sempre Purim, ma con ulteriori conoscenze, grazie all’insegnante di Shavei Israel – Aaron Wood, che ha passato gli ultimi mesi in Cina. Wood è un ebreo cinese lui stesso (anche se non originario di Kaifeng) che ha scoperto l’ebraismo ed è diventato religioso quasi interamente da solo, in un viaggio durato 16 anni, tra Cina, Canada e infine in Israele, dove si è convertito formalmente nel 2011. Grazie a lui la comunità ha avuto un freilechen (gioioso) Purim.

Russsian-booklet-for-fast-days-300x224

Il nuovo libello in russo per le giornate di digiuno

Ebrei Subbotnik – Oltre alla festa stessa i Subbotnik hanno qualcosa in più da celebrare quest’anno – la pubblicazione del nuovo libello di Shavei Israel in russo, per le feste con digiuno ebraiche. Il giorno prima di Purim è uno di questi giorni di digiuno – conosciuto come Ta’anit Esther, in cui gli ebrei evitano di mangiare, come fece Esther in Persia prima del felice banchetto con il re, quando riuscì a fermare il cattivo Haman dall’uccidere gli ebrei. 200 copie del libello di Shavei Israel sono state stampate – la metà verranno distribuite a Beit Shemesh, dove vive la maggior parte della comunità Subbotnik, e l’altra metà a Visoky, in Russia. Il libello include gli articoli della Legge Ebraica che riguardano i giorni di digiuno, e il testo completo – sia in russo che in ebraico – del Libro di Eicha, che viene letto durante il digiuno di Tisha B’Av.

With-Tavor-300x231India – i Bnei Menashe solitamente organizzano le feste di Purim più stravaganti tra le comunità di Shavei Israel. Quest’anno non ha fatto da eccezione: molte letture della Meghillah, giochi di Purim, gare di costumi (compresa la gara “Miss Esther”), e tanta atmosfera di Purim, sia in India che in Israele. A sinistra una foto della festa pre-Purim che i Bnei Menashe hanno organizzato a Nazareth Nord, assieme al “Tavor” mechina (un seminario prima del servizio militare). E per darvi un’idea, Yonatan Haokip ha condiviso questi video fatti al centro Beit Shalom di Shavei Israel a Churachandpur.

Altre foto verranno a seguire! Restate con noi!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s