Channukà, la cultura ebraica ed i sette re di Roma.

images

Con l’ingresso, politico e sociale, del potere dei Greco-ellenista dei Tolomei in Eretz Israel, i nostri padri si incontrarono con un problema identitario fino ad allora sconosciuto: il pericolo della schiavitù culturale,  dell’assimiliazione e della scomparsa dell’identità ebraica all’interno della cultura ellenista. Nella storia ebraica l’incontro- scontro con altri popoli ed altre culture aveva già prodotto drammi identitari e pericoli di sopravvivenza a causa dell’attrazione ebraica verso pratiche idolatre, ma questi incontri-scontri avevano separato il popolo ebraico in idolatri e non idolatri senza minare l’essenza della fede o della cultura ebraica. In pratica il pericolo assimilatorio vissuto fino all’incontro tra ebrei ed ellenisti aveva creato una classe di ebrei che proprio perché idolatri decidevano di abbandonare il proprio popolo senza metterne in discussione i principi e le caratteristiche peculiari. La nuova classe ebraica, dopo l’incontro con la cultura greca , comincia di fatto a sviluppare una concezione identitaria che partendo da un sincretismo culturale ebraico-ellenista, che è stato anche positivo per il nostro popolo, arriva poi ad essere una vera e propria sottomissione culturale rispetto al mondo greco. Un atteggiamento di schiavitù culturale ed identitaria che dai tempi degli ebrei ellenisti in poi, attraversando epoche diverse, luoghi diversi ed ebrei diversi, ha caratterizzato tutte quelle generazioni ebraiche che hanno provato, sperimentato e disperatamente creduto di diventare altro da sé ispirandosi a slogan quali: “essere ebrei in casa e greci, tedeschi, italiani, babilonesi o altro fuori casa…”. Assimilarsi, in definitiva,  significa prima di ogni cosa spegnere la luce della propria cultura  e vivere con essa e per essa una perenne frustrazione rispetto alla cultura di maggioranza, ritenuta inevitabilmente superiore. Perché nel gioco dell’assimilazione c’è sempre un ebreo che non sa (o non vuole?)   vivere una osmosi culturale tra sé ed il mondo esterno e si dona ( o si vende?) nella e per la cultura altrui. La perdita o la svendita culturale è la vera ed unica fonte della assimilazione. Scrive  lo storico Attilio Milano, commentando i primi passi della collettività ebraica italiana nella società non ebraica: “[…] L’attrazione verso la cultura e la storia italiane, che ormai erano molto più facilmente assimilabili  che non le corrispondenti ebraiche e, non ultima l’ambizione per un successo personale mai provato, sgretolarono nel giro di poco tempo quella che era stata la massa compatta dell’ebraismo italiano. Ne vennero fuori tanti ebrei isolati, con una passione piuttosto tiepida verso i propri antichi valori ideali.[…]” Perdere la propria cultura significa perdere i propri valori, significa perdersi e  significa far perdere un futuro al proprio popolo. Dai tempi dei giorni di Channukà ad oggi il nostro  problema identitario passa per la nostra ignoranza ebraica, per quanto ignoriamo la nostra storia, la nostra cultura, il nostro mondo. Una non conoscenza che abbraccia e colpisce molti più ebrei di quanto si possa immaginare, anche molti ebrei tradizionalisti, che pur festeggiando Channukà ed accendendo i lumi sera dopo sera, sarebbero in serio imbarazzo se chiedessimo loro di dire almeno tre nomi di maestri del Talmud, mentre saprebbero enunciare senza problemi tutti e sette i nomi dei re di Roma.
Di contro una semplice riconquista culturale della storia e della letteratura ebraica porta con sé il rischio di una sola erudizione ebraica , di un accumulo di dati che non toccano le corde della nostra identità. Una erudizione pericolosa come ben precisa rav Shimshon Refael Hirsch, il grande padre della moderna ortodossia, rabbino tedesco del XIX secolo: “ Mosè ed Esiodo, Davide e Saffo, Debora e Tirteo, Isaia ed Omero, Delfi e Gerusalemme, il tripode pitico e il santuario cherubino, profeti ed oracoli, salmi ed elegia- per noi giacciono tutti pacificamente in una sola scatola, riposano pacificamente in un’unica tomba, hanno tutti un’unica e medesima origine umana, un unico e medesimo significato: umano, transitorio, e apparentemente al passato. Tutte le nubi si sono dissolte. Le lacrime e i sospiri dei nostri padri non riempiono più i nostri cuori, ma le nostre biblioteche. I cuori caldamente pulsanti dei nostri padri sono diventati la nostra letteratura nazionale.[…]”. Se davvero vogliamo dare un senso alle accensioni delle nostre channukkiot, dobbiamo recuperare il senso della nostra cultura e dei sospiri antichi dei nostri padri, portarli nel nostro mondo, dove cultura ebraica e cultura non ebraica abbiano la stessa importanza e dove la prima sia ciò che noi siamo e la seconda ciò che noi sappiamo.

 

Advertisements

One thought on “Channukà, la cultura ebraica ed i sette re di Roma.

  1. Ciao Pierpaolo,
    stamattina mi è capitato di vedere online notizie sulle channukiot accese in Sicilia. Ed è stata la giusta dose di bitachon che mi ci voleva oggi.
    Siccome so che c’è duro lavoro tuo e di Shavei Israel dietro a quei lumi accesi, te ne ringrazio.
    Luciana F. Lassalvia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s